venerdì, giugno 23, 2006

Un blog non Politico che parla di Politica

Trovare un blog che parla di politica e che non sia "schierato" è un'impresa praticamente titanica,
c'è un sito che ammiro e del quele riporto l'ultimo post.

Da: http://blog.menostato.it

In campagna elettorale Prodi e il centro-sinistra dissero che il problema dell’economia era la crescita zero (e in effetti nel 2005 ci fu crescita zero e nel periodo 2002-2005 la media è stata 0,3%) e che nei primi 100 giorni di governo avrebbe dato una scossa per far ripartire il paese.

Il 10 aprile si è votato e il 17 maggio c’è stato il primo consiglio dei ministri.

Ecco alcune delle cose fatte nei primi 35 giorni di governo:
- Spacchettamento dei ministeri, con aumento di ministri e sottosegretari
- Aumento dell’ IRAP per le aziende nelle 6 regioni che hanno sforato il tetto di spesa sanitaria(previsto dalla Finanziaria 2006 approvata dal centro-destra) con la beffa di pagare anche lo 0,4% di multa per chi versa il 20 luglio
- Nomina del direttore generale della RAI
- Proposta del ministro della Giustizia Mastella per un amnistia, da votare insieme all’opposizione
- Dichiarazioni su tutto e il contrario di tutto.

Il famoso taglio di 5 punti del cuneo fiscale, tante parole e zero fatti, e poi con l’ipotesi che valga solo per alcune aziende e che sia finanziato da un aumento dell’IVA ( e queste 2 cose non erano state dette in campagna elettorale).

Io la 'scossa' non la vedo, mancano ancora 65 giorni (molti dei quali sono in Luglio e Agosto).

Mi pare evidente che le priorità della classe politica (e destra e sinistra fa poca differenza) siano molto diverse da quelle dei cittadini; le loro preoccupazioni sono di :
- aumentare la spesa (vedi aumento di ministeri) e le tasse (IRAP)
- fare un'amnistia
- comandare in RAI, etc.

Io cittadino voglio che la politica trovi soluzioni per avere, fra le altre cose,
- un’istruzione migliore,
- una sanità che funzioni,
- una giustizia veloce e imparziale,
- l’economia libera, etc.,
e di tutto ciò non si vede nulla nei primi 35 giorni.

Anziché mettere un limite minimo di età per essere eletto senatore o deputato, io metterei un numero minimo di anni (10 o 20) durante i quali si è lavorato (sul serio) prima di potersi candidare; la maggior parte della classe politica ragiona con dei tempi che sono lontani anni luce rispetto a chi tutti i giorni si confronta con la realtà del lavoro.

7 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Essendo il Parlamento a legiferare, aspettiamo che le due curve si riuniscano e poi parliamo.
Chiaro, se avessero urgenza di non finire ar gabbio pure loro farebbero le leggi che s'è fatto l'Innominabile tramite i suoi parlamentari.
Le promesse non mantenute per il momento sono solo gli echi di un governo (il primo in Italia) che è durato un'intera legislatura. Ha avuto 5 anni per fare tutto, l'unica cosa che ha fatto è stata la guerra, non solo in Iraq, ma in Afghanistan, Somalia, Sudan e pure da altre parti che or ora non mi sovvengono.
Basterebbe far tornare 3/4 del nostro contingente sparsi nel mondo per far quadrare un bilancio, lo sapevi?
Ma d'altra parte la devi vedere con gli occhi "del principe" (Machiavellianamente inteso): la nostra forza armata va addestrata, ormai il mondo è globale, la nostra cultura si sta mescolando con le altre ora + che mai. Proprio per questo dobbiamo avere delle forze dell'ordine in grado di tener testa magari ad alcune mele marce che arrivano in Italia per fare soldi facili.
Ma te non stai ascoltando Berlusconi a Porta a Porta!!!!
"in 56 anni abbiamo avuto 56 governi" tutto x via dei nemici dello Stato.
L'ultimo suo governo è durato una piena legislatura quindi due ipotesi si fanno largo:
A) Lo Stato ha fatto un lavoro magistrale nel catturare e rendere inoffensivi i tumultuosi che facevano saltare un governo sì e l'altro pure.

oppure

B) Chi faceva saltare i governi è andato al potere.

e sai un'altra cosetta? Sai che creavano tanti allarmismi sul pericolo-terrorismo? Ora che la P2 è all'opposizione, temo veramente che capiti qualcosa come anni fa. SPERO DI NO, ma capirai, cara extravergine, che la mia PAURA è del tutto GIUSTIFICATA.

3:12 PM  
Anonymous nynoblog said...

Ottima segnalazione, un sito davvero intelligente... Ci tornerò molto spesso (come sul tuo blog, d'altronde!).

Ciao, continua così!
Nino

4:37 PM  
Anonymous myrrdin said...

ciao, anche se la penso diversamente, mi è piaciuto il post.

Sto aspettando con ansia la fine di tutte le votazioni, per vedere se finalmente qualcosa si muove, da dx e da sx.

lunedi mi aspetto da te un post con i commenti sul voto, ma soprattutto sui commenti dei politici....ti leggerò co piacere.
buon weekend

9:02 AM  
Blogger Nico Guzzi said...

Io credo nella qualità delle persone che sanno mettersi al di fuori della politica, al di là di quello che votano.

4:03 PM  
Blogger Nico Guzzi said...

odio la mediocrità dello schierarsi sempre a tutti i costi in favore di una tesi piuttosto che di un'altra, chi non ha dubbi è noioso

4:05 PM  
Anonymous Anonimo said...

I tuoi dubbi sono la forza di qualcun'altro, ricordatelo!!

9:03 PM  
Anonymous Anonimo said...

conoscete il giornalista Del Dubbio?

5:18 AM  

Posta un commento

<< Home